Prevenire i rischi ai minori sul web

Attraverso il web si possono fare tante cose, in tanti diversi modi, come in qualsiasi altro ambiente.
Conoscere i rischi che corrono i propri figli navigando su Internetvi darà qualche argomento in più di conversazione con loro e vi servirà come prevenzione responsabile nei confronti di questo media comunicativo.

Le rappresentazioni di sesso presenti in rete sono molte e molto esplicite. Non sempre sono volgari, ma dal punto di vista della navigazione e della sicurezza dei minori la differenza tra pornografia ed erotismo è irrilevante.
Sul web abbondano siti dedicati a sessualità fortemente deviante. La pedofilia non è il peggio che si possa trovare. Altre forme di devianza, di solito quelle tra adulti consenzienti, sono generalmente legali e tollerate e sono quindi reperibili con facilità.

Tra le perversioni nelle quali ci si può imbattere più facilmente, ci sono coprofilia, coprofagia, feticismi di ogni genere, gerontofilia e zoofilia, senza contare poi le infinite varianti del sado-maso, che ormai sono considerate quasi normalità.

Non mancano pagine dedicate a tutte le altre parafilie (termine tecnico che sta per perversione sessuale), tra cui la più ripugnante di tutte: la necrofilia. Quest’ultima per la verità, come la pedofilia, forse anche di più, è poco tollerata e considerata illegale penso in quasi tutto il mondo.

Come per la pornografia, anche per chi ama le scene di violenza Internet propone scelte illimitate.
Scene di violenza, filmati ed immagini, si trovano sul web, su YouTube, nei newsgroup, nei giochi online e naturalmente nei circuiti di scambio file dove circolano filmati con scene di morti in diretta: incidenti raccapriccianti, torture, suicidi, esecuzioni capitali etc..
Prevenire la violenza su internet, ecco un elenco per prevenire questo fenomeno:

Fonte e link utili: Citta invisibile, Wikipedia, Corecom

Mi rifiuto di fare il rifiuto

Prevenire l’inquinamento e sostenere la raccolta differenziata, si chiama “Mi rifiuto di fare il rifiuto” una vecchia campagna di comunicazione promossa dalla Regione Puglia per incentivare la raccolta differenziata dei rifiuti in tutti i comuni. Sempre attuale

Ecco alcuni video in cui passa il messaggio di prevenzione.

Prevenzione inquinamento, condividi l’auto

In un momento in cui i prezzi della benzina sono in una salita costante, e il riscaldamento globale è una preoccupazione reale, l’adozione di iniziative al fine di sostenere una mobilità sostenibile sarebbe quella di utilizzare un’auto con più passeggeri.

Nel 1970, una crisi energetica costretto la gente a prendere seriamente in considerazione i modi per risparmiare energia e, di conseguenza , ridurre l’inquinamento atmosferico. La soluzione migliore a quel tempo era una modalità di trasporto che consiste nella condivisione di automobili private tra un gruppo di persone, con il fine principale di ridurre i costi del trasporto il carpooling, uno degli ambiti di intervento della mobilità sostenibile.

 

Anche in italia c’è la possibilità di utilizzare questa iniziative e Autostrade ha messo a punto un sito dove, grazie al Car Pooling puoi risparmiare sui costi del viaggio, inquinare meno, evitare la noia dei parcheggi, fare nuove amicizie e molto altro.

Anche su Facebook c’è una applicazione di carpooling dove vengono visualizzati gli ultimi viaggi inseriti dagli utenti di passaggio.it aventi un account facebook. Ogni annuncio presenta informazioni su data, orario di partenza come anche un link ai dettagli del viaggio e dati di contatto ed uno al profilo facebook del viaggiatore. Così come nel portale, l’utente può cercare un passaggio per la meta desiderata senza obbligo d’iscrizione e in modo gratuito fruendo di una delle banche dati di carpooling più grandi di Europa che dispone di più di 350.000 viaggi. Per offrire un passaggio, invece, occorre registrarsi. Una volta effettuata l’iscrizione, inoltre, cliccando su “passaggi dei miei amici”, appare una panoramica degli annunci di passaggio pubblicati dai propri amici su facebook.

Buon viaggio

Fonte Wikipedia
Link utile: AutostradeCarPooling

Plane Stupid, orsi come gas serra

A volte vengono realizzati alcuni viedo ADV molto crudi.
Riteniamo utile e necessario dire la verità e se lo si fa in modo creativo, si è maestri.

Plane Stupid è un network di opposizione all’industria dei trasporti aerei che chiede una nuova rete di mobilità e trasporto sostenibile.

Il video che ha realizzato ha per tematica le emissioni di gas serra che un volo di linea produce, un valore che, pro-capite, arriva ai 400kgIl peso di un orso polare.

Il video è esemplare, fornisce un esempio concreto, visualizza l’immissione dei gas serra quantificandoli in una caduta di orsi polari, uno per ogni passeggero.

Il risultato è un video memorabile e di sicuro impatto. Non è casuale la scelta dell’orso polare, le cui immagini della difficoltà di sopravvivenza a causa dello scioglimento dei ghiacci hanno fatto il giro del mondo.

Fonte: Plane Stupid